About Us

Biography

Our name is Basta!, which means “stop”…  but nothing will stop us!

Since four years we plow stages, heat hearts, ask brains, we sweat and we worry, we eat together before rehearsals, drink together during rehearsals, senseless laugh together after rehearsals. We thought to make prog, but we are not so sure: waiting to have a label for our music – not only in a metaphorical sense – we continue to play our oddly curious instruments, mixing the pungent notes of diamonica with the groove of drum’n’bass, making the melodies of the bass clarinet in dialogue with the pressing of the electric guitar riffs. Listen to us, but then keep persisting and listen to us again: if you want to understand us you need time, a working mind and a heart eager for novelty. It’s a global love what we ask you for. We try to make you ours: you, try to make us yours!

Good experience!

Members

  • Damiano Bondi Diamonica Hammond 44
  • Saverio Sisti Electric Guitar
  • Giacomo Soldani Bass
  • Andrea Tinacci Clarinet/Bass clarinet
  • Roberto Molisse Drums

Live

Data Città Sede dell'evento Nazione
12/03/2016 terranuova bracciolini, italy work in progress pub Italy
Orario: 10:45. Restrizioni età: All Ages. Presentazione disco
08/18/2016 Saint-Palais sur Mer CRESCENDO Festival France
Orario: 5:00. Ingresso: free. Restrizioni età: All Ages. One of the most famous Prog Festival in Europe. We are the only italian band!

Abbonati: RSS | iCal

Blog

Hi proggers from all over the world! We are truly glad to announce the new website, completely renewed by Lorenzo "the master of the webmasters" Cioni! And this is just the first of several rocking news! ;) Finally the new album, "Elemento ANTROpico", is finished. In the next weeks we will offer you a boooost of strange and genuine prog'n'rock sound! With a new
Read more
Un po' più di quattro anni fa, uno strampalato gruppo prog animato da belle speranze e brutte intenzioni muoveva i suoi primi passi nelle terre nebbiose del Valdarno, tra Firenze e Arezzo. Fu un successo improvviso: concerti su concerti, likes su facebook, prove, sudore, nuove idee, nuovi contatti, lettere d'amore eterno, lettere d... Read more
View all news

Press

What people tell about us

Deliri progressivi

banner Siamo in un momento buio per la musica italiana, nel senso che ci sono troppe band che cercano il consenso con musica da reality, sempliciotta e che "acchiappi" subito, però poi ti accorgi che durano quanto una spruzzata di deodorante in una cucina, dove si è appena fritto.

Athos Enrile

banner Quando un appassionato di musica (Buon Vecchio George) mi propone un nuovo artista/band sono sempre ben predisposto, immaginando che le affinità personali possano condurre a nuove scoperte, o almeno a situazioni piacevoli. Dopo 30 secondi di ascolto di Oggetto di Studio, avevo già deciso che avrei cercato di saperne di più dei BASTA!

Propaganda Toscana

banner Ci chiamiamo Basta!, ma non ci fermeremo! Da due anni solchiamo palchi, scaldiamo cuori, interroghiamo cervelli, sudiamo e ci agitiamo, mangiamo insieme prima delle prove, beviamo insieme durante le prove, ridiamo senza senso insieme dopo le prove. Pensavamo di fare progressive, ma non ne siamo più così sicuri: nell'attesa di avere un'etichetta per la nostra musica, metaforica ma anche discografica, noi continuiamo a suonare strambamente i nostri curiosi strumenti, miscelando le note pungenti della diamonica con il groove del drum'n'bass, facendo dialogare le melodie del clarinetto basso con i riff incalzanti della chitarra elettrica.

Relics Controsuoni

banner Ciò che colpisce in maniera maggiore ancor prima di ascoltare questo ‘Oggetti di studio’ sono due fattori fondamentali. In primis la copertina, semplice ma didascalica, che porta immediatamente a spunti riflessione: qual’è la band? quella in fondo al corridoio o quella in camice da medico? Probabilmente nessuna o entrambe ma la specularità, si capisce subito, sarà colonna portante di questo album. In seconda battuta, il punto esclamativo che i Basta! pongono accanto al proprio nome di battaglia porta con se un sapore fresco e nuovo, quasi a voler già segnare una cesura con il passato. Sciorinate queste premesse, il play è immediato.

Progstravaganza

banner Basta are instrumental progressive rock band coming from Castelfranco di Sopra in Tuscany, Italy. They answered Progstravaganza Questionnaire. How did you come to do what you do? We just put together the instruments we liked to play! The result is an original mix between standard-rock elements (drum’n'bass, electric guitar), classical elements (bass clarinet), and some unexpected frequencies (made by a melodion!). What is your first musical memory? Our first live (that’s what you’re asking about, right?) was a kind of rock jam-session. Prog riffs plus simple chords with solos. Three years ago. That’s how everything began.

Il Popolo del Blues

banner Negli anni dieci del ventunesimo secolo è singolare ascoltare un disco di progressive. Più che un genere, che qualche decennio fa era la norma tra le uscite discografiche, a volte sembra una categoria dell’anima musicale tanto è ancorata a un periodo molto preciso dal punto di vista temporale. Eppure come ogni stile, anche il prog ha la capacità di rinnovarsi. Questo Oggetto di studio ne è un esempio lampante: le dimensioni dei brani sono più contenute rispetto allo standard del genere, la strumentazione vede la diamonica e la fisarmonica al posto delle tastiere impilate una sull’altra oltre la comparsa del clarinetto

ProgressivaMente

banner Si può fare del buon prog rock cercando di avere un approccio personale se non addirittura originale? In un periodo di grande fervore per il genere, spesso le uscite, anche ottime, rispecchiano in pieno i clichè a cui siamo abituati da oltre quarant’anni. Alcuni canoni, oramai standardizzati, vengono seguiti anche da act giovani che quella stagione dorata l’hanno vissuta solo di riflesso, magari consumando i vecchi vinili dei genitori. Ma torniamo al quesito iniziale. Si può fare (parafrasando la P.F.M. di Suonare Suonare) o comunque ci si può provare e avere il coraggio di tentare la strada dell’imprevedibilità.

Contacts

Drop us an email!

Email inviata con successo!

TOP